Menu

Le parole dell’essere

Le parole dell’essere

Lavorando da sempre con la scrittura, per me la leggerezza è prima di tutto una questione di linguaggio.

Le parole lievi ma dense, sospese, fluttuanti e soprattutto cariche di ironia, sono quelle che preferisco. 

Combinarle, scombinarle, incastrarle e disporle in ordine sparso oppure ben definito, dando sensi sempre nuovi a ciò che voglio raccontare è ciò che dà senso ogni giorno a quello che faccio, a quello che sento e a quello che sono. 

Anna

Josef
Josef travel Book

Anna Quinz – 38 anni, altoatesina. Co-fondatrice e co-direttrice di franzmagazine.com e di Josef travel Book. Copywriter e curatrice freelance di progetti editoriali, vivo a Bolzano e nel 2017 ho creato insieme a mio marito Fabio Dalvit il brand di moda Qollezione

8 Comments

  1. Mary trovato

    Mi ha emozionato perché a descritto in modo giusto la leggerezza nell’allegato sue tante sfaccettature con parole adeguate e giuste

  2. Tiziana Basile

    Il linguaggio è da sempre fondamentale per la comunicazione…ci consente di interagire e di essere meno soli, si evolve assieme a noi e si lascia contaminare da tutte le culture. Questa è la sua forza! Soave e al contempo potente leggerezza

  3. loredana Di Maio

    Verba volant , le parole volano , dicevano gli antichi romani e se non è l’assioma della leggerezza questo che cos’ è?
    È anche vero però che le parole possono essere macigni , sta a noi renderle lievi, si puó fare, basta solo fermarsi un attimo e pensare ….

  4. Giovanna

    Niente è più leggero e labile della parola e del linguaggio, ma al contempo cosa è più potente?
    Siamo immersi nelle parole, che invisibile condiziona le nostre vite in qualsiasi aspetto.
    Cosa saremmo se non potessimo comunicare? Eppure le parole sono invisibili, sono leggere, sono prima di tutto fiato, aria. Non è meraviglioso tutto ciò?
    Grazie Anna, per aver ispirato questo pensiero!

  5. Carola

    Le parole, leggeri e pesanti frammenti di noi uomini.

  6. Shu

    “Combinare, scombinare, incastrare e disporre in ordine sparso oppure ben definito”, è un atto creativo, che anima, che stupisce e affascina. È come creare un puzzle colorato che vibra di parole e significati sempre nuovi. Saperli comporre con maestria, consapevolezza, e ironia sono qualita’ che mi affascinano. Interpreto così il pensiero di Leggerezza di Anna.

  7. Francese M.

    La parola è leggerezza, la parola è potenza.
    Secondo Heiddeger riusciamo a pensare limitatamente alle parole di cui disponiamo.
    E, se siamo ciò che pensiamo, ciò che riusciamo a rappresentare attraverso il nostro pensiero, ogni parola rappresenta un frammento di noi, del nostro essere, della nostra anima.
    Vivere di parole, attraverso la scrittura, vuol dire insegnare e narrare un po’ di sé, ogni giorno… dunque non posso che ringraziarla, cara Anna!

  8. Simona Pasqua

    Mi piace come parla del combinare le parole, mi ricorda come abbiamo tutti a disposizione degli strumenti e sta a noi doverli combinare per produrre qualcosa che parli di noi, o che semplicemente comunichi, leggendo sono quasi riuscita a immaginarle, queste parole, che si combinano tra di loro nelle pagine di un libro, raccontando emozioni e facendoci vivere mille vite diverse. Adoro leggere, e chi mi da la possibilità di farlo! Per questo scelgo il post di Anna Quinz 🙂

Leave a comment